We stand with 🇺🇦 STOP WAR
Documentary

Cuba, “Blanco y Negro”

Storia di un grosso animale ferito che mi sorride disperato.

Cuba

Porto la macchina agli occhi, inquadro, scatto. Faccio tre passi indietro, mi giro, inquadro, scatto.

Faccio kilometri e kilometri a bordo di una Chevrolet del 1956 incollato a questi sedili di pelle, inqadro fuori dal finestrino, scatto. Cerco di coglierlo in tutto il suo splendore ma sono sempre troppo lontano, delle volte fin troppo vicino. È come un grosso animale in movimento, feroce.

Carico un altro rullino, scatto, ma riesco a prenderlo solo di sfuggita, la sua scia, mi incanta.
È un grosso animale ferito che mi sorride disperato, l’anima di questo paese, Cuba.
Continuo a muovermi, a fare kilometri, a cavallo, di corsa, con trasporti di fortuna. Scatto.
Sono avvilito perchè passano i giorni, settimane e questo grosso animale mi resta a distanza.
Kilometri, scatto.

Il parabrezza e lo specchietto della macchina hanno sostituito il bordo della pellicola, frame dopo frame testimoniano la mia disperazione.

Havana, Viñales, mi gira la testa, Santa Clara, vengo calpestato ma sorrido, Trinidad.

Questo è quello che rimane, una fotografia in movimento, sfocata, la caccia a questo meraviglioso animale.
Cuba.

Ho il sole in gola e questo odore di terra e di cenere mi calpesta. Ho gli occhi di mia madre e lacrime di nostalgia. Mi gira la testa, tutto il mondo è qui. Un uomo mi sorride con un sorriso enigmatico, è triste o è felice? Voglio chiederglielo ma vengo investito dalla musica del carnevale e il mio amico Manuel mi versa della birra ghiacciata sui pantaloni. Camminiamo, corriamo. Festa. Fumo negli occhi. Manuel ha qualche giro losco ma è una persona splendida. Mi chiede una fotografia dicendomi che è l’unico modo che ha di viaggiare per il mondo.

Cuba, 2020

PRIVATE photo review

The photographic storytelling
The written portion
The use of captions

PRIVATE score

Photo essay review, by PRIVATE

User Rating: 3.4 ( 11 votes)

Support PRIVATE Photo Review Support PRIVATE

Alexander Gabriel

Alexander Gabriel, born in 97, living in Milan. My passion and love for art led me to investigate a language that allowed me to express myself - something I managed to find in photography. Photography, for me, is being able to convey my personal perspective of the world.

Leave your opinion:

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Related Articles

Check Also
Close
Back to top button

Adblock Detected

We have detected that you are using adblocking plugin in your browser.

The revenue we earn by the advertisements is used to manage this website, we request you to whitelist our website in your adblocking plugin.
😳