Documentary

Notturno, impressioni nella notte della pandemia

Roma

Italy.

Notte è sinonimo di fine, interruzione, sonno, assenza, a maggior ragione in un periodo di paure ed incertezza come questo, con la pandemia in atto di cui si intravede come le prime livide luci dell’alba la fine, ma si teme pure che sia ingannevole come l’attenuazione del male che, sul fare della scorsa estate, l’ha preceduta.

E allora nelle immagini che presento qui, come un ulteriore capitolo sulla pestilenza a Roma, provo a rendere le impressioni del buio, dell’oscurità, e delle donne e gli uomini che li subiscono.
E questi, sia che siano rassegnati o attivi, come l’eroico uomo delle consegne, assuefatti o animati da spirito di intrepida, o improvvida, iattanza, sembrano tutti, in modi diversi, tradire un rovello, il dubbio su quanto si possano attagliare non solo ai personali destini, ma in senso molto più generale a quelli delle comunità di cui facciamo parte i versi di Catullo:

Soles occidere et redire possunt,/nobis cum semel occidit brevis lux/ nox est perpetua una dormienda.

Catullo
I colori dell’assuefazione. Roma, 11 marzo 2021
Progressivo rarefarsi. Roma, 27 settembre 2020
Un eroe del nostro tempo. Roma, 1 febbraio 2021
Golem. Roma, 7 gennaio 2021
I colori dell’asserzione. Roma, 17 dicembre 2020
Bellezze. Roma, 4 dicembre 2020
Assenza. Roma, 23 gennaio 2021
Cicatrice. Roma, 28 ottobre 2020
Attesa. Roma 28 ottobre 2020
I colori della rassegnazione. Roma,23 dicembre 2020

PRIVATE photo review

The photographic storytelling
The written portion
The use of captions

PRIVATE score

Photo essay review, by PRIVATE

User Rating: 3.58 ( 9 votes)
Support PRIVATE

Pietro Coppa

Nato e vissuto a Roma, fotografo per antica passione.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button