Documentary

Cicatrici ed esitanti risvegli

Roma

Italy.

Ora che si intravede una fuoriuscita dalla pandemia che ci si augura definitiva, e non, come lo scorso anno, solo stagionale, mi pare arrivato il momento di stendere quello che spero sia l’ultimo capitolo su questo argomento.
E allora risvegli, si, ma cauti, in una atmosfera ancora plumbea, esitando, che la certezza della effettiva fine della pestilenza manca ancora, così come si avverte più o meno consapevolmente che il mondo sarà comunque, nel bene e nel male diverso da quello di prima.
Né è legittimo, anche mimando l’euforia della ripresa, distogliere lo sguardo dalle cicatrici reali o metaforiche, che questa inedita stagione sta lasciando dietro di se.

Nella serie di immagini che presento qui alterno quindi quelle relative ad alcune cicatrici del recente passato con quelle che danno conto di una certa atmosfera di ripresa, anche se incupita e condita con tutti i dubbi del caso, e senza la retorica della rinascita che ci ha funestato in questo periodo, imperniata su quanto saremmo tutti divenuti, dopo questa prova, migliori di prima.

Cicatrice. Ostia, 9 maggio 2021
Mimare la normalità. Roma, 8 maggio 2021
Ora d’aria. Ostia, 9 maggio 2021
Cicatrice. Roma, 25 ottobre 2020
Teli. Ostia, 9 maggio 2021
Esitazione. Roma, 27 aprile 2021
Cicatrice. Roma, 20 maggio 2021
Risveglio dell’aedo. Ostia, 9 maggio 2021
Nascondersi. Roma, 5 giugno 2020
This is the end? Roma 19 maggio 2021

PRIVATE photo review

The photographic storytelling
The written portion
The use of captions

PRIVATE score

Photo essay review, by PRIVATE

User Rating: 3.37 ( 12 votes)
Support PRIVATE

Pietro Coppa

Nato e vissuto a Roma, fotografo per antica passione.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button