Stories

Impercettibili dissonanze e leggere incongruenze

Roma

Italy.

Giorni fa, mentre ascoltavo Mahler, uno degli autori che prediligo per la sua complessità, profondità e raffinatezza compositiva, per l’uso delle dissonanze e del sarcasmo, capace di citare temi corrivi per tramutarli, senza tradirne la vena grottesca, in musica sublime, danzando sul filo del rasoio, mi veniva fatto di riflettere su come questa preferenza abbia attinenza sia direttamente con il mio modo di guardare, sia, più in generale, con la storia della fotografia, a partire dalla sua nascita, nella connaturata ambiguità tra realtà ed artefatto che da allora la perseguita e la vivifica, e ne può fare la più surreale e sottile delle arti, fino all’attuale preoccupante proliferazione di immagini che questa ambiguità feconda vanno smarrendo annegata nel mare dell’irrilevanza, del solipsismo da una parte, e della ripetizione di stilemi pervasivi spesso carichi e “gridati” che, nell’apparente libertà creativa dei social media, assurgono alla dignità, immeritata, di canoni estetici dall’altra.

Scuola di danza. Roma, 15 febbraio 2021

E allora per cercare di esprimere un proprio punto di vista su questi tempi contemporanei così strani e per più versi calamitosi, non resta che danzare sul filo del rasoio, riprendendo la metafora musicale, cercare di rendere un’atmosfera con una lieve dissonanza, provare ad avere l’occhio per quanto appaia solo “leggermente” incongruente, citare coscientemente immagini già viste utilizzandone, senza tradirla, anche l’eventuale vacuità.

Niente colori sgargianti, quindi, o effettacci drammatici, o ricerca spasmodica del raro, del mai visto, farei mio, quasi in una dichiarazione programmatica, quello che diceva Azazello a Margherita al loro primo incontro: “Per carità, niente strilli e niente patemi…”.

Parentesi quadra. Roma, 11 gennaio 2021
Presenza aliena. Roma, 28 febbraio 2021
L’ambiguità dell’angelo. Roma, 3 novembre 2020
Trovarsi in bilico. Roma, 11 febbraio 2021
Insofferenza. Roma, 16 febbraio 2021
Motore immobile. Roma, 30 marzo 2021
Acquario. Roma, 11 febbraio 2021
Tempo asincrono. Roma, 16 giugno 2020
Tutta? Soriano al Cimino, 25 aprile 2021

PRIVATE photo review

The photographic storytelling
The written portion
The use of captions

PRIVATE score

Photo essay review, by PRIVATE

User Rating: 1.85 ( 1 votes)

Pietro Coppa

Nato e vissuto a Roma, fotografo per antica passione.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Check Also
Close
Back to top button