Documentary

Masquerade, atmosfere di pandemia a Roma

Roma

Italy.

Entrare in una banca con il volto coperto, senza essere fermati, anzi, se mai ci si trovasse senza maschera, con l’invito della guardia armata alla porta a coprirsi subito il viso per essere ammessi, un anno fa sarebbe parsa fantascienza: il mondo alla rovescia.

E sembrano anche leggermente datate le polemiche sulla liceità o meno del coprirsi il volto con veli o mascherature, che fossero religiose o carnevalesche. Anzi quella acredine diffusa, un po’ moralista e leggermente venata di timore che colpiva sia chi per una ragione o per l’altra non mostrava il volto in pubblico in senso letterale o metaforico, quasi fosse un’offesa mortale alla nostra civiltà, sia chi sospendeva il giudizio, si è rapidamente trasformata nel suo opposto.

Cauta esplorazione, Roma 29 maggio 2020

Appunto: il mondo alla rovescia; è bastata la minaccia, certamente subdola ed impalpabile, di un infinitesimale virus a farci cambiare paradigma su questo aspetto come su tanti altri, una lezione di umiltà per la nostra hybris.
Ed a colpire è la velocità con cui ci si è adeguati alle nuove condizioni, cercando di ricavarvi uno spazio di precaria normalità, che è comunque segno di una certa capacità di adattamento.

Comunque si, anche con un becco da papero, Roma 10 maggio 2020 Roma

In questo lavoro che va ad aggiungersi come un ulteriore capitolo agli altri miei dedicati alle atmosfere della pandemia qui a Roma non ci saranno quindi visi stravolti, situazioni drammatiche (che pure non sono mancate in quest’anno di epidemia), ma facce e fisionomie consuete, anche se parzialmente nascoste, persone, anziché oggetti, che trasmettano ad un tempo il senso dell’adeguamento alle nuove normalità, perfino il divertimento distaccato ed ironico per questo inopinato mascherarsi alla Hannibal Lecter, ed il disagio sottile, sempre presente anche quando è tenuto in disparte, che dalle costrizioni della pandemia, di cui questa mascherata è un simbolo, deriva.

coordinato, Roma 10 luglio 2020
ritrovarsi, con un aspetto diverso, Roma 25 maggio 2020
Imbavagliati, facendo finta di niente, Roma 18 novembre 2020
Long John Silver, cuoco di Borgo, Roma 6 febbraio 2021
Che problema c’è? Roma 16 gennaio 2021
Quotidianità leggermente inquietante, Roma 3 ottobre 2020
Attesa, Roma 23 maggio 2020
Burka de noantri: un’operazione di dubbio gusto, Roma 27 gennaio 2021
Support PRIVATE

Pietro Coppa

Nato e vissuto a Roma, fotografo per antica passione.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button