Advertisement
We stand with 🇺🇦 STOP WAR
Report

Manshiyat Naser

Cairo

Egypt

Manshiyat Naser è uno dei quartieri più poveri del Cairo. A pochi chilometri dalla moderna e sfavillante Downtown ma lontana anni luce dal suo tentativo di strizzare l’occhio all’Ovest. Si trova alle pendici della collina Mokattam e sembra guardare il resto di questa megalopoli nordafricana con uno sguardo pieno di desiderio di appartenerla, ma con la malinconia di sapere che questo non sarà mai possibile.

Qui l’emarginazione è una cosa concreta, fisica. I suoi 60.000 abitanti, per lo più cristiani copti, vivono del riciclaggio della spazzatura. Manshiyat Naser è infatti meglio conosciuto come Garbage City.

Gli Zabbalin, i netturbini, percorrono ogni strada e ogni angolo della città per raccogliere tutta la spazzatura prodotta dai suoi oltre 16 milioni di abitanti. Lo fanno a bordo di ogni mezzo a loro disposizione: pick-up, auto sgangherate, motociclette, carri trainati da asini o cavalli, e trasportano ciò che viene raccolto nel quartiere, dove donne e bambini si occupano della raccolta differenziata. Si stima che l’80-90% della spazzatura in tutto il Cairo venga riciclata grazie a queste persone. Sebbene disprezzati dagli stessi cairot, gli Zabbalin rappresentano un organo vitale per l’intera megalopoli, mancando completamente di un metodo efficace di raccolta e smaltimento dei rifiuti.

Support PRIVATE Photo Review Support PRIVATE

Matteo Turco

I have been passionate about photography since my parents gave me the first digital camera... My dream is to one day become a photojournalist

Leave your opinion:

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Related Articles

Check Also
Close
Back to top button
Close

Adblock Detected

We have detected that you are using adblocking plugin in your browser.

The revenue we earn by the advertisements is used to manage this website, we request you to whitelist our website in your adblocking plugin.
😳