Sono solo alberi?

Val Venosta

Italy

Sto camminando in un bosco, sono qui da un po’ di tempo, forse un paio d’ore o forse più. Non ho l’orologio e il cellulare è spento, chiuso nello zaino. Il tempo in un bosco fitto assume una dimensione diversa. Non hai i riferimenti che hai quando sei “fuori”: cammini per ore attraversando in continuazione la luce e l’ombra, intravedi il bagliore del sole ma non ne individui la posizione precisa.

All’interno del bosco, quando fuori c’è il sole, vedi più faticosamente, i contorni sono più confusi, il forte contrasto tra buio e luce crea una sorta di confusione visiva. Più “fuori” c’è luce, e più “dentro” vedi peggio. Ma quando “fuori” le nuvole coprono il sole, il bosco “dentro” ti appare in tutte le sue forme. Puoi così vedere strane figure contorte dal vento e dalla spasmodica ricerca della luce, puoi vedere monconi di tronchi che sembrano sculture intarsiate, scolpite dalla voracità di invisibili parassiti. Puoi vedere la corteccia rugosa e spessa, come la pelle raggrinzita di un vecchio che ha passato la vita lottando con il vento e con il sole o puoi scorgere rami ricoperti di un muschio morbido, come per proteggerli dal freddo e dalla pioggia. Accanto ad alberi rigogliosi puoi vedere scuri tronchi pietrificati dal fulmine, anneriti dal fuoco.

Nel bosco puoi vedere la vita e puoi vederne la sua fine.

Val Venosta, Italia – Luglio 2020. Il bosco sembra impenetrabile.
Val Venosta, Italia – Luglio 2020. Il sole crea forti contrasti di luce e ombra.
Val Venosta, Italia – Luglio 2020. Un ramo coperto di muschio.
Val Venosta, Italia – Luglio 2020. Il muschio copre e protegge un tronco.

Support from our readers helps improve visibility, encourage exchanges, create new opportunities for photographers and writers around the globe, so if you value what we do, please support PRIVATEphotoreview today. Thank you.

Val Venosta, Italia – Luglio 2020. Un tronco scorticato e “disegnato” da vento e pioggia.
Val Venosta, Italia – Luglio 2020. Carbonizzato dal fulmine, ma orgogliosamente dritto verso il cielo.
Val Venosta, Italia – Luglio 2020. Un moncone di tronco scavato dai parassiti.
Val Venosta, Italia – Luglio 2020. Morto e quasi pietrificato nel suo contorcimento verso la luce.